Guida per la prima volta (all’Opera!)

1622
prima volta
Julia Roberts e Richard Gere. Pretty Woman

C’è sempre una prima volta per tutto. Può benissimo darsi che tu sia in vena di sorprendere qualcuno speciale o semplicemente desideri intraprendere un viaggio in un nuovo ed emozionante mondo musicale.

Acquistare i biglietti la prima volta per andare all’opera può essere l’inizio di una passione inaspettata che arrivi persino a modificare il tuo modo di capire il mondo e l’arte. Tuttavia tutto ciò che ruota intorno all’opera può apparire talvolta fin troppo serio, sicché non è un fatto del tutto insolito che colui che si avvicina una prima volta al teatro possa decidere non di rimetterci più piede.

1.- CONOSCERE L’OPERA CHE VAI A VEDERE

Onde non trovarsi dinanzi ad una sorpresa spiacevole, la prima cosa da fare è informarsi sul contenuto dell’opera. Non importa conoscere la fine della storia dall’inizio giacché la magia dello spettacolo lirico è proprio quella di potersi emozionare, pur sapendo in anticipo ciò che accadrà. Oggigiorno tutti i teatri lirici importanti offrono i sottotitoli con la traduzione del testo originale, nonostante sia possa consultare il libretto anche sulla rete tramite pagine quali Kareol e OperaGlass.

L’opera non è soltanto teatro musicale. Nel corso della storia dell’Europa essa è stata un elemento chiave ed essenziale per comprendere i cambi politici, sociali ed artistici di un’epoca. Per questo motivo è di gran importanza fare una ricerca previa sul compositore e l’epoca in cui è ambientata l’opera, in modo tale da poterne cogliere l’essenza in modo più diretto. Di solito quando arriviamo in teatro ci viene consegnato il programma di sala che spiega l’argomento della rappresentazione serale oltre a fornire altre informazioni sulla sua storia, sugli artisti e sulla regia. È preferibile leggerlo senza fretta e comunque prima di accedere alla sala. In alcuni casi tutta l’informazione è scaricabile anche dalla pagina web del teatro.

È pur tuttavia vero che oggigiorno la maggior parte delle opere si trovano gratuitamente anche sui canali di riproduzione digitale. Questo ti permetterà di dare un’occhiata, ancorché fugace, prima di andare a vivere l’esperienza in diretta.

2.- È IMPORTANTE ORGANIZZARE GLI ASPETTI PRATICI

Per poter godere appieno di un’opera lirica, alla stessa stregua di tutto ciò che vi è di bello nella vita, è importante trovarsi in uno stato d’animo che vi permetta di essere tranquilli e poter concentrare le vostre energie senza alcun tipo di fretta. I teatri d’opera di solito si trovano nel centro delle città per cui è davvero utile programmare il tragitto onde evitare situazioni incresciose. Una volta inizia lo spettacolo viene interdetto l’accesso alla sala per non dare noia agli altri spettatori. L’opzione migliore è quindi quella di arrivare in tempo per poter bere qualcosa tipo un aperitivo prima dello spettacolo o magari deambulare per il foyer, piuttosto che arrivare all’ultimo minuto senza aver trovato parcheggio e con il fiatone.

È inoltre importante sapere la durata della recita, alcune produzioni possono finire in un’ora e mezza ed altre protrarsi oltre quattro ore. Se avete prenotato per andare a cena dopo lo spettacolo e non avete calcolato bene i tempi, potrebbero crearsi delle difficoltà con il ristorante.  

3.- L’IMPORTANZA DI SCEGLIERE CHI TI ACCOMPAGNA 

Molte persone pensano che l’opera sia uno spettacolo sofisticato, quindi un regalo con cui fare bella figura. Purtroppo però, se colui che ti accompagna non condivide la stessa passione, la serata può avere delle conseguenze poco piacevoli per entrambi. 

Verifica, in primis, l’interesse operistico del tuo accompagnatore. È nota la famosa scena del film americano Pretty Woman quando Vivian, interpretata da Julia Roberts, assiste ad una recita della Traviata. La stessa si sente pienamente identificata con la protagonista del dramma verdiano e quindi si produce una sintonia immediata con l’opera. È senz’altro palese che non bisogna essere un antico guerriero egiziano o un barbiere di Siviglia per essere affascinati dall’arte lirica giacché in essa si rappresentano concetti universali quali l’amore, la morte, la vendetta, l’amistà o la libertà. 

Un’altra possibilità è quella di andare in compagnia di un melomano 

che ti possa spiegare il contenuto dell’opera e fornirti indicazioni utili, abbellite magari anche con qualche aneddoto divertente, oltre a chiarire i tuoi dubbi. Se ti rechi invece in compagnia della tua dolce metà e ci sono cose che magari non avete capito o vi risultano strane, cercate di scambiare impressioni con altre persone nell’intervallo. Non abbiate paura di fare brutta figura poiché l’opera è per tutti. Vi assicuro che anche coloro che vi si dedicano professionalmente possono imparare qualcosa da chi l’esperienza la vive per la prima volta.

4.- IL PREZZO DEL BIGLIETTO

Per infrangere un mito è d’uopo chiarire che in Spagna il costo di un minuto d’opera in diretta è la metà di quello che costa la ritrasmissione di una partita di calcio. Ciò nonostante, l’opera può essere un’attività comunque costosa, in modo particolare se prendiamo in considerazione città quali Madrid, Milano, Barcellona o Londra.

Ci sono inoltre teatri che possiedono la tradizionale forma italiana a ferro di cavallo, quindi alcuni posti non offrono un’ottima visibilità. Ad ogni modo se sei abile e organizzi l’acquisto dei biglietti in tempo, riuscirai sicuramente a trovare biglietti a buon prezzo. Informati quindi quando inizia la vendita e nell’impossibilità di recarti personalmente al botteghino, chiedi la cortesia ad un’amico.

5.- CONDIVIDI LA TUA ESPERIENZA 

Se la prima serata operistica è stata di tuo gradimento o se la stessa ti ha lasciato indifferente non significa che non sia una buona idea condividere la tua esperienza e le tue impressioni.

Ciò lo puoi fare, per esempio, se accedi alla nostra pagina di Facebook (OPERA WORLD è infatti la revista d’opera digitale con il maggior numero di seguaci). Sulla stessa scoprirai tante persone come te che desiderano condividere i loro momenti preferiti. Ci puoi anche trovare anche su Twitter e su Pinterest, dove potrai vedere le migliori foto d’opera.

OPERA WORLD ti ringrazia e ti augura che la tua prima volta sia soltanto l’inizio di una lunga, meravigliosa ed indimenticabile passione.