Tosca. Puccini. Macerata

135

Tosca7

Macerata, Arena Sferisterio, 19 luglio 2014 

Una Tosca, quella pensata da Franco Ripa di Meana, per così dire immortale o meglio una Tosca che incarna valori, passioni, stati d’animo immortali, trasversali ad ogni epoca. All’interno di un allestimento tutto sommato di stampo tradizionale il regista ha pensato, infatti, di ambientare il primo atto alla fine del Settecento, il secondo agli inizi del Novecento, il terzo in epoca fascista con un finale che piomba nel bel mezzo della Roma contemporanea. Pochi di norma gli arredi in scena, ma sufficienti a creare le varie ambientazioni; sul muro di fondo dello Sferisterio è collocato un enorme righello che funge da linea del tempo lungo il quale, in posizioni sempre progressive, vengono via via posizionati fondali di tela con impresse rispettivamente una immagine del Colosseo attribuibile a un vedutista settecentesco, una stilizzazione di parte dell’altare della patria, una vecchia foto in bianco e nero della zona di Castel Sant’Angelo. Sulla destra del palcoscenico due pini mediterranei fungono da collegamento fra tutti e tre gli atti, nel primo compaiono poi, oltre ad un vessillo rivoluzionario, una serie di banchi da chiesa, la statua di una Madonna, ma non il classico cavalletto del pittore, nel secondo un pianoforte, un divano e una poltroncina, scena spoglia infine nel terzo. Discutibili alcune scelte registiche come quella di pensare a una serie di lente processioni che durante il primo atto si aggirano per tutto il palcoscenico e parte dell’arena, o come quella di far eseguire a Tosca la cantata del secondo atto da uno dei palchi laterali così da far arrivare la voce in modo troppo diretto, senza consentire un adeguato amalgama con le altre del coro, posizionato invece a sua volta come di norma dietro la scena. Più efficaci, anche se forse oggettivamente disturbanti, nel terzo atto i rastrellamenti operati da alcune camice nere fra le file della platea, coadiuvate nella loro ricerca da fari che illuminano via via i vari settori del pubblico. Scarpia viene ucciso con la pistola da una Tosca appena ammanettata dal suo “carnefice” in previsione di un imminente pesante gioco sessuale di stampo sadomasochistico, una Tosca che sul finale, per parte sua, sembra invece non morire, ma che, dopo il celebre “Scarpia, avanti a Dio!”, viene travolta da una folla di gente, mentre sul fondale del palcoscenico viene srotolata un’immagine della Roma contemporanea, recante la data 19 luglio 2014 e ripresa dalla cima di Castel Sant’Angelo. Adeguati i costumi, pensati da Silvia Aymonino, che si presentano in linea con i vari tempi dell’azione, con l’unica costante di quello di Tosca che indossa sempre un semplice ma elegante abito blu da sera di fattura contemporanea.

Tosca1

Nel ruolo del titolo Susanna Branchini che, a parte qualche asprezza di fondo rilevabile nel timbro di voce, si mostra sicura nel delineare una figura di donna volitiva e un po’ dura; l’acuto è solido, l’emissione ben controllata. Qualche difficoltà nel registro superiore, invece, per il Cavaradossi di Luciano Ganci che evidenzia comunque di possedere uno strumento generoso dal colore tutt’altro che spiacevole. Piuttosto rozzo e soprattutto non dotato di quella mellifluità insinuante insita nel personaggio lo Scarpia di Marco Vratogna del quale è apprezzabile il fraseggio, ma non certo la capacità di calarsi totalmente nel ruolo. Apprezzabili il sagrestano di Roberto Abbondanza e l’Angelotti di Massimiliano Catellani. Con loro Silvano Paolillo (Spoletta), Giacomo Medici (Sciarrone), Franco Di Girolamo (un carceriere), Ilaria Frenquelli (un pastorello). Buona la prova del Coro Lirico Marchigiano “Vincenzo Bellini”.

Tosca6

Sul podio a dirigere l’Orchestra Regionale delle Marche Eun Sun Kim che stacca tempi molto distesi non facilitando da un lato i cantanti (come nel caso del “Vissi d’arte”) e non evidenziando dall’altro quei passaggi della partitura di particolare vigore e intensità così caratteristici della drammaticità pucciniana.

Tosca9

Sul finale pubblico prodigo di applausi per tutto il cast, ma con evidenti manifestazioni di dissenso per la regia e la parte tecnica.

Tosca5

Floria Tosca                                        Susanna Branchini

Mario Cavaradossi                             Luciano Ganci

Il barone Scarpia                                Marco Vratogna

Cesare Angelotti                                Massimiliano Catellani

Il sagrestano                                       Roberto Abbondanza

Spoletta                                              Silvano Paolillo

Sciarrone                                            Giacomo Medici

Un carceriere                                      Franco Di Girolamo

Un pastorello                                     Ilaria Frenquelli

 

Direzione                                           Eun Sun Kim

Regia                                                  Franco Ripa di Meana

Scene                                                 Edoardo Sanchi

Costumi                                             Silvia Aymonino

Luci                                                    Fabio Berettin

Maestro del coro                                Carlo Morganti

Maestro del coro voci bianche           Gian Luca Paolucci

 

Fondazione Orchestra Regionale delle Marche

Coro Lirico Marchigiano “Vincenzo Bellini”

Coro di voci bianche Pueri Cantores “D. Zamberletti”

 

Complesso di palcoscenico Banda “Salvadei”

 

 

Simone Manfredini